Spettacolo

I BRUTTI ANATROCCOLI

Liberamente ispirato alla fiaba di Hans Christian Andersen

Di e con: Silvano Antonelli

Dai 3 ai 10 anni / Pubblico Misto

Essere uguali, essere diversi, cosa ci fa sentire “a posto” oppure “in difetto” rispetto a come “si dovrebbe essere”?

 

 

Per una bambina, per un bambino ogni attimo è la costruzione di un pezzo della propria identità.
Il mondo è pieno di modelli e di stereotipi di efficienza e “bellezza” rispetto ai quali è facilissimo sentirsi a disagio. Basta portare gli occhiali, o metterci un po’ più degli altri a leggere una frase, o avere la pelle un po’ più scura o un po’ più chiara, o far fatica a scavalcare un gradino con la sedia a rotelle, o essere un po’ troppo sensibili, o un po’….
Chiusi nelle proprie emozioni è come si sentisse un vuoto, un pezzo mancante.
Ma è proprio da quella mancanza che bisogna partire.
Questo tempo pare sfidarci a essere capaci di costruire noi stessi e la nostra identità, accettando le differenze e le unicità di cui ognuno è portatore.

La fiaba di Andersen a cui il titolo si ispira è qui vista come un archetipo. Come un “classico” che tocca un argomento universale, che va ben oltre il tempo in cui la fiaba è stata scritta. Per indagare un tema che tocca nel profondo il destino di ogni bambino e di ogni persona. Una fiaba che si modifica per parlare a questo presente.

Tra papere e occhiali, strumenti musicali, divertenti e poetiche suggestioni, lo spettacolo cerca di emozionare intorno all’idea che tutti, ma proprio tutti, possano cercare di rendere la propria debolezza una forza. Da qualsiasi punto si parta e in qualsiasi condizione ci si senta.
Un modo  per alzare gli occhi e guardare il grande cielo che ci circonda.
Quel cielo nel quale la vita, qualunque vita, ci chiede di provare a volare.

Lo spettacolo è stato elaborato lavorando in tre direzioni:
La prima è, come sempre, il rapporto con i bambini e ragazzi della scuola dell’infanzia e primaria. Con loro sono stati condotti dei laboratori teatrali durante i quali si è giocato intorno ai concetti di “normalità” e di “diversità”.
La seconda è avere incontrato “ex bambini” che sono stati bambini particolari.
Qualcuno aveva difetti fisici. Qualcuno difficoltà di apprendimento. Varie, e tante differenze.
Ora sono “grandi” e a loro è stato chiesto di raccontare il percorso che li ha portati dal sentirsi “brutti anatroccoli” a trovare, comunque, un loro modo per volare.
La terza direzione è stat quella di confrontarsi con esperti di varie discipline per approfondire, anche sotto il profilo teorico, il tema dello spettacolo.


MATERIALE SCARICABILE

I BRUTTI ANATROCCOLI – Diario di un allestimento   PDF

I BRUTTI ANATROCCOLI – scheda spettacolo  PDF

I BRUTTI ANATROCCOLI – scheda tecnica  PDF

I BRUTTI ANATROCCOLI – musiche  PDF

CANZONE I BRUTTI ANATROCCOLI  PDF

Spettacolo

PERCHE’

Di e con: Silvano Antonelli

Dai 3 ai 10 anni / Pubblico Misto

ETI – STREGAGATTO 1994/1995 (Premio speciale come miglior attore)

Un attore, una poltrona e un mucchio di giornali.

 

 

Una discarica? No! Una stanza piena di giornali, mucchi di carta ovunque.
Il sottofondo è un lontano rumore di guerra…..è la realtà o solo un telegiornale che continua a trasmettere?
Improvvisamente, entra in scena un personaggio, è vestito “normalmente”, con giacca e cravatta, ma in più ha un elmetto e anfibi militari.
Pare quasi un soldato, il soldato di tutte quelle piccole e quotidiane battaglie, il rappresentante di tutti i genitori che tornano stanchi la sera e delle preoccupazioni che li accompagnano. Si accascia su una poltrona e inizia a leggere un giornale quotidiano. La sua lettura, però, viene continuamente interrotta da qualcuno. Chi è? Perché continua a disturbare l’unico momento di relax che il nostro personaggio riesce a concedersi nel corso della giornata?
E’ un ipotetico figlio, un bambino – pupazzo (formato da alcuni vestiti “casualmente” sovrapposti) che interloquisce con un papà stanco dopo una giornata di lavoro, ponendo continue domande e costringendolo a distrarsi dal leggere il  giornale per cercare le sempre più difficili risposte.
“Perché mangiamo sempre la minestrina? Quante dita ha lo struzzo? Esiste Babbo Natale? Qual è l’ultimo numero? Perché gli alberi perdono i capelli d’inverno? Cosa c’è dietro le stelle?”
E’ un continuo rispondere a mille quesiti, da quelli più elementari a quelli attorno a cui ruota il mondo.E’ un continuo perdersi e poi riemergere nelle proprie risposte, quasi a voler tramandare tutto lo scibile a chi è all’inizio di un cammino.
E’ un cercare di comprendere i perché infantili , di farli propri e di rispondere con l’uso di esempi, che rimandino all’universale.

Il nostro personaggio, padre per antonomasia e forse anche per vocazione, si arrabatta ad inventare risposte in un continuo gioco di manipolazione dei giornali che lo circondano.
La necessità e il desiderio di comunicare faranno diventare i giornali, di volta in volta, altro: animali, sogni, mostri, universi lontani, piccole e grandi fantasie.
Ma, come sempre, viene il momento di ritornare nel mondo. Ritorna l’alba e la guerra non è sparita. Forse, è lui che è diverso.
Chissà che i piccoli e grandi “perché” non si trasformino in piccoli e grandi desideri?

 


PERCHE’ (francese)

De et avec: Silvano Antonelli

De 3 à 10 anni / Tout Public

Un acteur, un fauteuil et une pile de journaux.

 

Une décharge? Non! Une pièce remplie de journaux, un tas de papiers partout.
Le fond sonore est un lointain bruit de guerre… C’est la réalité ou seulement un téléjournal qui continue à transmettre? On ne sait pas, peut-etre que c’est la vraie guerre ou peut-etre les nombreuses petites guerres qui traversent notre temps et notre vie.

Tout à coup, entre in scène un personnage, il est habillé “normalement”, avec une veste et une cravate, mais en plus il a un casque et des chaussures militaires. Il ressemble presque à un soldat, le soldat de toutes ces petites batailles quotidiennes, le représentant de tous les parents qui, le soir, rentrent fatigués et des préoccupations qui les accompagnent. Il s’affaisse sur un fauteuil et commence à lire son journal quotidien. Sa lecture, cependant, est sans arret interrompue par quelqu’un.

Qui c’est? Pourquoi continue-t-il à déranger le seul moment de relax que notre personnage réussit à s’accorder au cours de la journée? C’est peut-etre un fils hypothétique. Un fils qui pose sans arret des questions: “Pourquoi mange-t-on toujours de la soupe? Combien de doigts a l’autruche? Le Père Noel existe-t-il? Quel est le dernière numéro? Pourquoi les arbres perdent-ils les cheveux en hiver? Qu’y a-t-il derrière les étoiles?

Notre personnage, père par antomase ou peut-etre aussi par vocation, s’escrime à inventer des réponses dans un jeu continuel de manipulations des journaux qui l’entourent. Le besoin et le désir de communiquer modifieront petit à petit, les journaux: animaux, reves, monstres, univers lointains, petites et grandes fantaisies. Ainsi il répond aux mille question, des plus élémentaires à celles autour desquelles tourne le monde. C’est se perdre et se retrouver continuellement dans les réponses, presque à vouloir tansmettre toute la connaissance à qui est au commencement d’un chemin. Mais comme toujours vient le moment de retourner parmi les gens. L’aube point et la guerre n’a pas dispaur. Mais peut-etre que c’est le père qui est différent, cette nuit: les petits et les grands pourquoi du fils sont ils devenus, pour lui, de petits et grands désirs?


MATERIALE SCARICABILE

PERCHE’ – scheda spettacolo   PDF

PERCHE’ – scheda didattica   PDF

PERCHE’ – scheda tecnica  PDF

PERCHE’ – musiche  PDF

PERCHE’ – genesi di uno spettacolo   PDF

20 anni di…PERCHE’   PDF

PERCHE’ – canzone Sciabadì Sciabadà   PDF